Portale svizzero di informazione progressista

Speciale Turchia

Speciale Euro 2016

Manifestazioni del fronte sandinista

Una brigata di solidarietà svizzera torna in Nicaragua: come negli anni ’80 al fianco di Sandino!

Saranno circa una cinquantina le persone, membri di associazioni, sindacati e ONG amiche del Nicaragua che formeranno la Brigata di solidarietà che sarà nel paese centro-americano simbolo della Rivoluzione sandinista dal 18 al 28 luglio prossimo per rendere omaggio ai cooperanti internazionalisti elvetici ed europei assassinati 30 anni fa dalle forze filo-statunitensi. I partecipanti all’evento,… Continua a leggere

caffe-filosofi-spannau-perche-vince-trump(1)

Il fondamentale libro di Andrew Spannaus su Donald Trump

Il giornalista e politologo Andrew Spannaus apre il suo interessantissimo e approfondito libro “Perché vince Trump”, edito da Mimesis, con un’affermazione forte, ricordando ai lettori di lingua italiana che, al di là delle sparate razziste e xenofobe, le sole lasciate emergere dal sistema mediatico, tutto prono ai poteri forti che sospingono la Clinton, Donald Trump… Continua a leggere

si_ps
Ticino e Svizzera

Le vittorie degli altri sono “fichissime”

Il 5 giugno è stato un appuntamento denso di emozioni e interesse per i numerosi oggetti posti in votazione, sia a livello federale che cantonale. In Ticino la carne al fuoco era molta: la “tassa di collegamento” e la nuova legge sull’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC), in particolare, rappresentavano due temi caldi per l’area progressista. È… Continua a leggere

farage_british
Europa/Internazionale

Quando il nazionalista britannico Farage ruba il mestiere ai socialisti europei…

Ci sono stati due discorsi che, l’altroieri al Parlamento europeo, hanno fotografato il momento che sta vivendo l’Unione Europea dopo il Brexit. Il primo, di Nigel Farage, leader dei nazionalisti dell’United Kingdom Independence Party (UKIP), è stato nonostante il suo essere di destra, un invito al rispetto delle sovranità popolari, dell’indipendenza delle nazioni dal giogo… Continua a leggere

chataev

La mente della strage di Istanbul era ricercata dalla Russia. Ma Amnesty lo proteggeva!

Se vuoi parlare di diritti umani, non fidarti di quelle che sono vere e proprie aziende “dirittoumaniste” che manipolano i buoni sentimenti di solidarietà delle persone per i propri interessi spesso geopolitici, se non solo finanziari. Amnesty International è da tempo sotto accusa dalla sinistra anti-imperialista per le ambiguità che il nostro portale aveva ben… Continua a leggere

jacqueline-fehr
Editoriali/Opinione

Jacqueline Fehr o le pagliacciate della gerontocrazia

La proposta della Consigliera di Stato di Zurigo, la socialista Jacqueline Fehr, di raddoppiare il valore dei voti espressi dai giovani è semplicemente una stupidaggine: lo diciamo senza mezzi termini! Una cosa è chiedere, come abbiamo fatto noi, di concedere il diritto di voto a partire dai 16 anni, un’altra cosa è discriminare i cittadini… Continua a leggere

zeman_rullo
Europa/Internazionale

In Cechia la sinistra si dice disposta a ridiscutere l’adesione all’UE.

Il presidente della Repubblica Ceca, Milos Zeman, sullo sfondo della recente decisione della Gran Bretagna di lasciare l’Unione Europea (UE), ha esortato il governo a indire un referendum popolare non solo sull’adesione del Paese all’UE, ma persino la sua partecipazione alla NATO, l’alleanza militare atlantica ad egemonia americana. Zeman non ha le facoltà secondo la… Continua a leggere

attentato-istanbul-aeroporto014-1000x600

Le stragi colpiscono il tentativo della Turchia di cambiare


Sebbene i morti dell’aeroporto di Istanbul suscitino meno attenzione mediatica dei morti dell’aeroporto di Bruxelles, chiunque creda in una umanità in cui tutti gli esseri umani meritano uguale rispetto è in questo momento indignato e rattristato. Sembra che quest’attentato sia opera del terrorismo estremista che insanguina da anni la regione, aggredendo la Siria e l’Irak.… Continua a leggere

Europa/Internazionale

Il Brexit potrebbe non avere luogo

Pubblichiamo di seguito la traduzione integrale del contributo di Ram Etwareea, apparso nell’edizione di giovedì 30 giugno 2016 del quotidiano svizzero in lingua francese LeTemps. Pur essendo un articolo di stampo filo-europeista, esso è emblematicamente rivelatore della strategia di annullamento della volontà popolare britannica, nonché degli interessi preminentemente a stelle e striscie che si celano… Continua a leggere

Torna in Cima