Portale svizzero di informazione progressista

Author

Aris Della Fontana

Aris Della Fontana has 9 articles published.

Il “Mein Kampf” nelle edicole è solo marketing? Intervista a Stefano Azzarà

L’11 giugno “Il Giornale” è apparso nelle edicole con allegato il celeberrimo Mein Kampf hitleriano. Le discussioni – come c’era d’aspettarselo – sono immediatamente montate, e molti si sono detti scandalizzati. Sinistra.ch ne parla con Stefano Azzarà, ricercatore di Storia della Filosofia presso l’Università di Urbino. Concentrando il suo lavoro sul confronto tra le grandi… Continua a leggere

Arminio Sciolli: “la cultura è il vero mercurio dei popoli”

Sinistra.ch accoglie un’intervista ad Arminio Sciolli – portavoce del centro culturale locarnese “Il Rivellino” – a proposito delle dinamiche di cooperazione culturale internazionale, al fine di meglio comprendere a quale genere d’impatto sistemico tali interazioni possono condurre. Il testo in questione è apparso in versione originale sul settimo numero di #politicanuova (leggibile qui), quadrimestrale marxista edito dal Partito… Continua a leggere

Amnesty International: un operato molto ambiguo al di là del buonismo.

1. Introduzione L’associazione non governativa Amnesty International è famosa tra l’opinione pubblica internazionale per le battaglie contro la tortura, la pena di morte e, in generale, per la difesa dei diritti umani e la liberazione dei prigionieri politici. Tra le prese di posizione maggiormente rilevanti possiamo ricordare la netta opposizione alla guerra in Iraq e… Continua a leggere

Editoriali/Opinione

Il ruolo dei livelli nella selezione sociale

Per effettuare un’analisi complessiva sul significato e le conseguenze dei livelli nelle scuole medie dobbiamo considerare la questione relativa alla selezione sociale. In uno studio di Mario Donati del 1999 si evidenziava come la scelta dei livelli non fosse del tutto basata su una questione di “attitudine” quanto di origine sociale. Ciò appare abbastanza logico,… Continua a leggere

Editoriali/Opinione

Qualche riflessione su Lünen

È fondamentale rendersi conto che la riduzione, in termini di fabbisogno, della dipendenza dalle energie fossili ed in generale non sostenibili per l’ambiente, é un obiettivo che non può essere affidato alle prossime generazioni, bensì deve concernere l’attualità, deve essere un tema all’ordine del giorno, prioritario, nostro. L’iniziativa “Per un AET senza carbone” va in… Continua a leggere

Editoriali/Opinione

Investiamo nella scuola, diamo una chance a tutti

Ci dicono che la nostra sia una società democratica, in cui il diritto allo studio è garantito e dove chiunque può continuare gli studi senza difficoltà, basta che si applichi:  questa credenza deve essere messa in discussione, come deve essere smentito l’assunto per cui le differenze di classe non esisterebbero più nella società occidentale e,… Continua a leggere

Gli USA in declino e il caso sudamericano

È impossibile analizzare l’area latinoamericana senza tenere in considerazione il ruolo e gli sviluppi della potenza imperialista nordamericana che strenuamente si oppone all’emancipazione del conglomerato dell’America meridionale. Recentemente – in stretto collegamento ad una crisi economica di carattere sistemico che non è confinata esclusivamente all’area statunitense, ma che si espande a livello mondiale – assistiamo… Continua a leggere

Cuba e i suoi…”prigionieri”

Intervista a Federico Jauch (Associazione Svizzera Cuba)    Negli ultimi tempi ha destato non poche attenzioni mediatiche, la liberazione e l’annuncio di future liberazioni, da parte del governo cubano, nei confronti di 52 detenuti. In primo luogo, è secondo lei un atteggiamento fazioso definire questi individui con termini quali “dissidenti” o addirittura “prigionieri politici”? Lo… Continua a leggere

Riformatorio: inutile e controproducente

Con tutta sincerità ho seri dubbi circa i risultati positivi di questo tipo di strutture detentive, altresì definite con il termine di “riformatori”: insomma, nient’altro che dei carceri giovanili. Questi, a parer mio, sono concetti pericolosi e certamente riferibili ad altri tempi, soprattutto per la loro accezione intrinsecamente repressiva. Qualche anno fa anche Gabriele Gendotti,… Continua a leggere

Torna in Cima