I curdi di Siria si schierano perfino con il regime saudita

in Editoriali/Internazionale/Medio Oriente/Opinione di

Amicus meus, inimicus inimici mei. Il nemico del mio nemico è mio amico. Dando ennesima dimostrazione di un utilitarismo cinico e spregiudicato, le milizie curde di Siria non esitano un attimo ad incunearsi nello scontro in seno al “fronte sunnita”, che vede contrapposti Arabia Saudita e Qatar con rispettivi alleati al seguito.

Se Erdogan prende posizione a favore del regime di Doha, restando fedele agli storici legami sotto l’ombrello della Fratellanza Musulmana, le YPG intensificano i rapporti con Riad. Le truppe del “sultano” entrano in Qatar, per fungere da deterrente in caso di attacco degli ex alleati del Golfo. E, proprio in quel momento, i rappresentanti delle milizie della Rojava volano a Washington a concordare con i sauditi i termini della presa di Raqqa, capitale del califfato dell’Isis.

Ilham Ahmed, co-presidente del Consiglio Democratico Siriano, braccio politico delle Forze Democratiche Siriane di cui fanno parte i battaglioni curdi, ha coordinato la delegazione negli Usa ed ha espresso una forte apertura verso i regnanti wahabiti. “L’Arabia Saudita è una potenza importante nella regione e deve esercitare il suo ruolo nel promuovere la stabilità in Siria. Siamo pronti a collaborare con l’Arabia”, ha dichiarato.

Riad non si è fatta certo pregare ed ha risposto con una massiccia campagna sui social media a favore dell’indipendenza curda. E’ stato lanciato l’hashtag #SaudiWithKurdistan. Del resto, a sostegno della creazione di un’entità curda autonoma nei territori di Siria ed Iraq, si era espresso a favore lo stesso sovrano Salman, i cui emissari hanno già incontrato più volte esponenti curdi.

Qualcosa lascia intendere che la luna di miele tra sauditi e YPG abbia influito in qualche modo sulle operazioni in corso a Raqqa. Dove i curdi ed i loro alleati stanno avanzando ma senza infliggere gravi perdite all’Isis. Il generale Sergei Surovikino, comandante delle forze russe in Siria, ha denunciato: “Invece di eliminare i terroristi, responsabili della morte di centinaia di migliaia di civili siriani, la coalizione diretta dagli Stati Uniti e le Forze Democratiche Siriane hanno trovato un’intesa con i capi di Daesh – ha aggiunto l’alto ufficiale –  che lasciano senza combattere le postazioni che avevano occupato per andare nelle province dove operano le truppe del governo siriano”. 

Qualcuno ha fatto da tramite in queste trattative con i tagliagole? C’è lo zampino di Riad?

Le milizie curde di Siria, che continuano ad essere considerate fashion da gran parte della sinistra occidentale, non sono nuove a spericolate alleanze internazionali. Nonostante le YPG siano una filiazione del PKK di matrice marxista, negli ultimi anni sono diventate l’interlocutore privilegiato degli Usa, operando di fatto come la fanteria di quest’ultimi. Almeno tre basi militari di Washington sono state realizzate illegalmente sul suolo siriano, proprio nelle aree controllate dai curdi. Inoltre, Israele è tra i fan più accaniti del “confederalismo democratico e socialista” propugnato dalle YPG. Solidale con il separatismo curdo, mentre reprime nel sangue ogni aspirazione di sovranità dei palestinesi.

Adesso la causa del Kurdistan diventa popolare anche presso la corte fondamentalista di Riad, in barba al tanto decantato femminismo militante delle guerrigliere della Rojava. E’ la logica del nemico del mio nemico, con i curdi individuati come strumento utile a frammentare la Siria e l’Iraq su basi etniche e confessionali e lanciare un monito alla stessa Turchia.

 

Fonte: L’Antidiplomatico

Omar Minniti, già consigliere provinciale di Reggio Calabria per il Partito della Rifondazione Comunista, collabora come corrispondente per alcune testate italiane, fra cui "L'Antidiplomatico".