I giovani comunisti del Kerala donano 1,4 milioni di dollari contro la pandemia

in Ambiente/Asia/Internazionale di

Dall’inizio della pandemia da COVID-19, le organizzazioni giovanili di sinistra in tutto il mondo sono state in prima linea sia nel fornire soccorsi che nel resistere ai tentativi di attaccare i diritti delle persone. Un particolare esempio di ciò è stata l’iniziativa “Recycle Kerala” lanciata dai comunisti della Federazione della Gioventù Democratica dell’India (DYFI), che ha raccolto oltre 1,4 milioni di dollari per aiutare lo Stato indiano del Kerala a combattere il virus. Il 6 agosto scorso la DYFI ha devoluto l’intero importo al Fondo di soccorso in caso di emergenza istituito dal governo.

L’avanguardia politica e sociale del Kerala

Lo Stato indiano del Kerala è governato da una coalizione di sinistra promossa dal CPI(M), il Partito Comunista dell’India (Marxista), e si è distinto a livello globale per il suo approccio incentrato sulle persone alla lotta contro la pandemia, guadagnandosi la fama di aver combattuto con successo due ondate di pandemia. Il nostro portale ne aveva già parlato nel mese di aprile in questo articolo: https://www.sinistra.ch/?p=8697. L’iniziativa dell’organizzazione giovanile del CPI(M) arriva proprio mentre lo Stato affronta la terza ondata di pandemia.

Il riciclaggio, uno strumento contro la pandemia

A differenza di molte altre campagne di raccolta fondi, “Recycle Kerala” ha riguardato la raccolta e il riciclaggio di materiali di seconda mano. Tali articoli dopo essere stati raccolti, sono stati venduti dalla DYFI a commercianti di rottami e riciclatori: i proventi sono stati poi uniti e versati alle autorità pubbliche del Kerala.

Dal mese di maggio, un quadro militante di ciascuna delle 27’240 cellule di base della DYFI ha visitato le famiglie nei propri quartieri di competenza, raccogliendo libri, vecchi giornali, dispositivi elettronici danneggiati e altri oggetti simili. Alcune famiglie hanno anche donato oggetti di valore come dipinti, sculture e altre opere d’arte, aumentando così sostanzialmente i fondi raccolti.

I contributi sono arrivati ​​anche sotto forma di prodotti agricoli e avicoli come frutta, verdura, pollame e latticini. Alcuni piccoli agricoltori hanno donato l’intera produzione della stagione, inclusi riso, tuberi, piante da frutto ad alto rendimento, ecc. In villaggi remoti del Kerala, dove gli agricoltori hanno avuto difficoltà a vendere i loro prodotti agricoli a causa del blocco delle attività, i comitati della DYFI hanno acquistato essi stessi i prodotti e li hanno rivenduti.

Non è mancata nemmeno la pulizia dei fiumi in tutto lo Stato, rimuovendo, secondo quanto riferito, 6,5 tonnellate di rifiuti, comprese bottiglie e altri rifiuti di plastica, che sono stati poi venduti per il riciclaggio. I militanti della DYFI si sono anche impegnati nella pulizia di pozzi privati, fabbriche, uffici, case, ecc. E hanno contribuito con i proventi all’iniziativa solidale.

In un certo numero di località, DYFI gestiva piccoli ristoranti, vendendo prelibatezze locali a prezzi accessibili. Fornivano anche trasporti locali economici in luoghi con connettività limitata durante il blocco. Vari artisti membri di DYFI hanno condotto caricature spot e concerti di strada aderendo ai protocolli di sicurezza COVID-19.

Ma nel resto dell’India non se ne parla…

Anche se questa iniziativa non ha ricevuto alcuna copertura dai principali media mainstream indiani, lo sforzo e il contributo della DYFI è stato ben accolto per contro sui social media. Il 7 agosto, nel suo incontro ufficiale con la stampa, il Primo Ministro dello Stato del Kerala Pinarayi Vijayan ha riconosciuto e apprezzato l’iniziativa dei giovani comunisti come modello da seguire per il mondo: “Questa iniziativa sarà ricordata come un segno distintivo del valore dei giovani del nostro Stato che sono pronti a lottare per il bene comune, sfidando tutte le avversità” – ha affermato il premier regionale.

 13,179 visite totali,  189 visite odierne