/

“Fuori le truppe USA dall’Africa, sì alla cooperazione con i BRICS”: le prospettive dei comunisti sudafricani

L’Africa sta assistendo da un lato a diversi colpi di stato, alla crescente minaccia del terrore e al declino dell’imperialismo statunitense e francese (leggi qui), ma dall’altro all’aumento delle attività economiche e politiche di nuove potenze come Cina, Russia e Turchia.

Per meglio comprendere i colpi di stato, i movimenti di liberazione nazionale, gli interventi imperialisti e il ruolo che i BRICS possono svolgere nel continente, United World International ha intervistato Chris Matlhako, secondo vice-segretario generale del Partito Comunista Sudafricano (SACP), che governa il paese nell’alleanza tripartita insieme al Congresso Nazionale Africano (ANC) e al Congresso dei Sindacati Sudafricani (COSATU). Sinistra.ch ne ha curato la traduzione.

L’Africa ha assistito a diversi colpi di stato negli ultimi tempi, come quelli in Mali e Guinea. Qual è la valutazione del suo partito e del Sudafrica su questi colpi di stato? Costituiscono una reazione franco-americana al tentativo dei paesi africani di perseguire una politica estera più indipendente?

In effetti, quasi 7 decenni dopo la de-colonizzazione del continente, continuiamo a sperimentare questo genere di eventi. Non solo hanno fatto arretrare il progetto di liberazione nazionale, ma hanno anche portato a un ulteriore radicamento del sottosviluppo e messo in moto un processo di consolidamento di un’agenda neocoloniale sostenuta da elementi dell’esercito e dalle élite compradore emergenti con il sostegno attivo delle ex potenze coloniali. Poiché non abbiamo trasformato con successo le nostre società e le relazioni coloniali che caratterizzavano allora la colonia-metropoli, queste tendenze si sono riprodotte e prevalgono oggi in Africa.

L’Unione Africana (UA), a differenza del suo predecessore, l’Organizzazione dell’Unità Africana (OAU), non è stata efficace nel proteggere e difendere gli interessi dei popoli del continente. Per esempio, la recente decisione del presidente dell’UA di permettere ad Israele sionista lo status di osservatore all’UA senza una discussione da parte dei paesi membri dell’UA è davvero un enorme affronto alle lotte dei nostri padri fondatori e alla lotta per la liberazione nazionale e l’antirazzismo.

“La Francia continua a cercare di dominare l’Africa occidentale”

Questi colpi di stato militari non sono la risposta alle sfide che affrontano il continente per una serie di ragioni. In primo luogo, la maggior parte dei militari del continente sono estensioni e/o appendici dell’apparato militare dell’Occidente. Sono addestrati e finanziati da ex elementi coloniali e imperialisti che continuano in vari modi a cercare di mantenere una presenza nel continente. Questo per perseguire gli obiettivi economici e le finalità delle multinazionali occidentali che cercano di sfruttare le ricchezze minerarie del continente.

Il presidente francese Emmanuel Macron in visita alle truppe francesi di stanza in Africa.

In realtà, la Francia continua a cercare di dominare l’Africa occidentale (e altre parti) e lì si assiste a tutti i tipi di manipolazioni e manovre francesi. Ciò è reso necessario anche dalla percezione delle incursioni che la Repubblica Popolare Cinese sta facendo nel continente, che minaccia l’Occidente e il Nord America. I colpi di stato istigati dall’Occidente e dal Nord America continueranno fino a quando i popoli del continente non prenderanno una posizione anti-imperialista proattiva e senza ambiguità e determineranno la loro sovranità nel contesto della loro traiettoria di sviluppo.

“È necessaria una nuova unione civico-militare a nome e nell’interesse del popolo, simile a quella dell’America Latina”

Si dovrebbe coltivare una relazione unica simile a quella dell’America Latina tra i militari e la grande maggioranza del popolo dei paesi del continente ancora sotto il giogo del neocolonialismo, un nesso civico-militare che agisca in nome e nell’interesse della maggioranza del popolo e nel perseguimento degli obiettivi differiti di liberazione nazionale.

Secondo lei, l’amministrazione Biden ha una politica e una strategia specifica in Africa? Qual è il suo obiettivo?

Il fatto che Biden e la sua amministrazione abbiano mantenuto AFRICOM (il comando militare americano per l’Africa, ndr) sul continente suggerisce che lui e la sua amministrazione non sono impegnati a ridisegnare il rapporto con il continente. AFRICOM e il suo posizionamento militare non suggeriscono relazioni cordiali ma un potere dominante e militare: rapporti di forza diseguali, applicando la forza coercitiva e sottomettendo il continente ai dettami delle potenze imperialiste.

Biden deve ritirare e sciogliere l’AFRICOM e accettare la sovranità delle nazioni del continente. Si deve permettere un commercio equilibrato e altre relazioni tra i paesi del continente e il resto del mondo e si deve permettere ai popoli del continente di impegnare democraticamente – senza l’influenza dell’Occidente – le loro sfide e decidere la loro traiettoria e il loro progetto politico. L’Occidente e l’America del Nord devono essere solo un altro partner internazionale che il continente può coinvolgere senza essere costretto attraverso sanzioni illegali e unilaterali e la cosiddetta guerra al terrorismo.

“Biden deve ritirarsi, sciogliere l’AFRICOM e accettare la sovranità delle nazioni africane”

Gli USA mantengono una imponente presenza militare in tutta l’Africa.

Dovremmo anche discutere della Françafrique. Questo progetto, secondo lei, è indipendente dalle strategie statunitensi sul continente, e ha qualche possibilità di essere realizzato in futuro?

Per tutto il periodo della sua presenza sul continente, la Francia non ha solo cercato di estrarre risorse lucrative per guidare la propria economia e il proprio sviluppo, ma di dominare il continente. La presenza militare francese ha alimentato fuochi di ribellione e promosso colpi di stato in numerose regioni. Ha anche istigato fratture artificiali tra e contro altre potenze continentali.

Tutto questo è diretto, in ultima analisi, a sminuire la Repubblica Popolare Cinese che, attraverso la Belt and Road Initiative (BRI, ovvero la “nuova via della seta”, ndr), ha prodotto risultati di sviluppo tangibili che hanno un potenziale di miglioramento della qualità della vita dei popoli del continente. La base della BRI riconosce importanti accorgimenti chiave di mutualità e benefici reciproci – assenti nell’accordo commerciale tra Europa occidentale e Nord America. Dopo aver allevato l’ISIS e i talebani, gli Stati Uniti e la Francia si stanno ora scervellando per contenere la brutale campagna degli insorti nel nord del Mozambico, ricco di petrolio, dove le compagnie petrolifere statunitensi e francesi stanno cercando di installarsi.

La Francia tenta “in ultima analisi, di tagliare” la Belt and Road Initiative cinese

L’esempio del colpo di stato in Guinea ha dimostrato ancora una volta che il progetto francese si scontra con le attività di Cina, Russia e Turchia in Africa. Come valuta le crescenti attività economiche e politiche di questi tre paesi in Africa? Secondo lei, seguono una politica sul continente diversa dal colonialismo francese?

La nostra opinione è che il continente abbia la capacità di decidere la sua traiettoria indipendentemente dall’influenza dell’Occidente e dei sostenitori nordamericani della cosiddetta democrazia. Il continente dovrebbe agire nel proprio interesse ed esplorare le relazioni con i partner di tutto il mondo – Turchia, Cina e altri alle loro condizioni, che sono nel migliore interesse di avanzare gli obiettivi di liberazione nazionale. Queste relazioni non devono essere soggette ai dettami dei cosiddetti consigli dei sommi sacerdoti della democrazia – l’Occidente e il Nord America.

La Cina ha sensibilmente aumentato il suo impegno e i suoi investimenti in Africa negli ultimi decenni.

Pensa che gli Stati Uniti e la Francia possano respingere o eliminare gli investimenti economici cinesi, russi e turchi nei paesi africani?

Questi paesi, in particolare la Cina popolare, hanno dimostrato, attraverso la BRI, le loro credenziali e il loro rispetto per il continente e la sua cultura e civiltà. Gran parte del continente ha capito il valore del denaro nei progetti intrapresi con la Cina – specialmente con le imprese statali. La Francia e gli Stati Uniti non saranno in grado di eguagliare il tipo di impegno della Cina nel continente e il modello di sviluppo che presenta. Il modello di sviluppo della Cina, riuscita a far uscire milioni di persone dalla povertà e ad affrontare la disuguaglianza, richiama le sfide continentali che devono essere affrontate da una seria leadership nel continente.

“La Francia e gli Stati Uniti non sono in grado di eguagliare l’impegno cinese in Africa”

Come valuta la posizione dell’Unione Africana e dell’ECOWAS in questi tentativi di colpo di stato? I BRICS, come organizzazione che difende il multilateralismo, può e deve giocare un ruolo maggiore in Africa?

L’ECOWAS (Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, ndr) e l’UA hanno generalmente posizioni ambivalenti riguardo ai colpi di stato nella regione e nel continente. Questa posizione non aiuta il continente e il suo popolo a liberarsi dal giogo dell’imperialismo. Al centro dei colpi di stato ci sono gli obiettivi dell’imperialismo di creare Stati compiacenti che promuovano i loro obiettivi per loro conto.

I popoli di queste regioni, e di tutto il continente, devono opporsi a queste misure – sia i colpi di stato che gli uomini forti militari, ma allo stesso tempo cercare di sviluppare un diverso nesso di relazioni civico-militari che faccia avanzare gli obiettivi di indipendenza. Il fatto che i dittatori del continente siano sempre rimasti in vita è stato il risultato dell’appoggio dell’Occidente e del Nord America, che hanno protetto i loro interessi economico-politici. Questa catena deve essere spezzata e devono emergere soldati del popolo per portare avanti le idee di indipendenza e di liberazione nazionale.

“I BRICS possono svolgere un ruolo cruciale per il multipolarismo e il finanziamento degli obiettivi di sviluppo”

Il presidente sud-africano Cyril Ramaphosa (ANC) ad un incontro dei capi di Stato dei BRICS.

In questo contesto, gli organismi come i BRICS potrebbero svolgere un ruolo critico nel promuovere il multilateralismo e diverse vie di finanziamento per gli obiettivi di sviluppo. Insieme alla Cina e ad altri paesi che forniscono finanziamenti reciprocamente vantaggiosi, i BRICS potrebbero aiutare a risolvere il debito di vari paesi africani verso la Banca Mondiale e il FMI.

Tra gli altri passi, la solidarietà e una campagna a livello continentale per cancellare il debito potrebbe essere la risposta. Tutto questo è stato ulteriormente cristallizzato nel contesto della pandemia di Covid.


Chris Matlhako è secondo vice-segretario generale del Partito Comunista Sudafricano, segretario generale della Società degli Amici di Cuba, membro del Comitato Esecutivo del Consiglio Mondiale della Pace (WPC), membro del gruppo di lavoro dell’Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai (IMWCP).

Fondato nel 1921, il Partito Comunista Sudafricano (SACP) fa parte del governo in Sudafrica nella cosiddetta Alleanza Tripartita insieme all’ANC e al Congresso dei Sindacati Sudafricani dalla fine del regime dell’Apartheid. Il partito ha ricoperto varie posizioni ministeriali, tra cui i ministeri del Commercio e dell’Industria e dell’Istruzione Superiore. Diversi presidenti del Sudafrica dopo la fine del regime dell’Apartheid erano ex membri del SACP, come Nelson Mandela e Thabo Mbeki.

 515 visite totali,  4 visite odierne