/

Neo-colonialismo, supremazia bianca e la sfida della Cina

“La razza europea ha ricevuto dal cielo, o ha acquisito con i propri sforzi, una superiorità così indiscutibile su tutte le altre razze che compongono la grande famiglia umana, che l’uomo posto nel nostro paese, per i suoi vizi e la sua ignoranza, sull’ultimo gradino della scala sociale, è ancora primo tra i selvaggi.”

Alexis de Tocqueville (1805-1859)

L’influente think tank statunitense The Atlantic Council ha pubblicato all’inizio di quest’anno un importante articolo sulla Cina intitolato: “The Longer Telegram”. Questo titolo è un riferimento diretto all’omonimo documento scritto nel 1946 dal diplomatico americano George Kennan, uno dei principali architetti della politica estera statunitense dopo la seconda guerra mondiale. Nel suo testo, George Kennan sosteneva che gli Stati Uniti dovevano abbandonare completamente la recente alleanza con l’URSS e assumere un atteggiamento aggressivo nei confronti dell’ex alleato, ed è quindi considerato uno dei documenti fondanti della guerra fredda. L’attuale “Longer Telegram” del Atlantic Council pone quindi la Cina come “nemico” nel contesto di una nuova guerra fredda.

George Kennan ha ispirato la guerra fredda.

L’élite USA rispolvera i toni da guerra fredda

The Atlantic Council è un’organizzazione che riunisce le grandi multinazionali da una parte e l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico – NATO – dall’altra. Personalità come Henry Kissinger sono nel suo consiglio di amministrazione e tra i suoi direttori onorari ci sono gli ex segretari di Stato USA Condoleezza Rice e il generale Colin Powell (vedi qui). Possiamo considerare che le opinioni espresse dal Atlantic Council corrispondono al consenso dell’élite imperialista mondiale e che, per questa élite, la Cina rappresenti effettivamente una “minaccia”. Il fatto che l’Atlantic Council faccia riferimento a George Kennan nel suo documento sulla Cina è rivelatore. Nel 1948, George Kennan definì così la posizione e gli interessi degli Stati Uniti:

“Abbiamo circa il 50% della ricchezza del mondo, ma solo il 6,3% della sua popolazione…. In questa situazione, non possiamo che essere oggetto di invidia e risentimento. Il nostro vero compito nel prossimo periodo è quello di concepire un modello di relazioni che ci permetta di mantenere questa posizione di disparità… Non dobbiamo illuderci che oggi possiamo permetterci il lusso dell’altruismo e dell’azione mondiale… Dobbiamo smettere di parlare di obiettivi vaghi e irrealistici come i diritti umani, l’aumento del tenore di vita e la democratizzazione. Non è lontano il giorno in cui dovremo trattare in termini diretti di potere. Meno siamo allora ostacolati da slogan idealistici, meglio è”.

George Kennan, 1948 (Citato da Noam Chomsky, leggi qui)

Per “mantenere questa posizione di disparità” – come scrisse Kennan – gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali assunsero un’aggressiva politica neocoloniale per impedire lo sviluppo economico e sociale di altre nazioni, mantenendole come fornitori asserviti di materie prime e manodopera a basso costo. Il “crimine” imperdonabile della Cina agli occhi dell’Occidente è stato quello di essere sfuggita al suo “destino manifesto” di essere solo un’altra colonia.

Un “secolo d’umiliazione”, dalle guerre dell’oppio all’occupazione giapponese

La famigerata guerra dell’oppio nel XIX secolo aprì la Cina allo sfruttamento da parte dell’Occidente. Uno dei più riconosciuti rappresentanti del pensiero liberale occidentale del XIX secolo, John Stuart Mill, fu un convinto sostenitore di questa guerra. Un altro importante rappresentante del liberalismo, Alexis de Tocqueville, si riferiva così alla Cina:

“Eppure non posso consolarmi se non vedo finalmente, prima di morire, la Cina aprirsi e l’occhio dell’Europa penetrare in lei con le sue armi”.

Alexis de Toqueville (citato da Domenico Losurdo, in “Controstoria del liberalismo”).

Secondo Noam Chomsky, con la guerra dell’oppio “la Gran Bretagna ha creato la più estesa impresa di traffico di droga del mondo; non c’è mai stato niente di lontanamente simile. Non solo furono in grado di entrare in Cina per la prima volta, ma i profitti dell’oppio sostennero il Raj, i costi della marina britannica, e fornirono un capitale molto significativo che alimentò la rivoluzione industriale in Inghilterra” (leggi qui)

Da questa vittoria nella guerra dell’oppio, la Cina passò ad essere considerata una colonia – e non solo dell’Occidente. L’imperialismo giapponese, a partire dal 1931, iniziò a compiere incursioni in territorio cinese con l’obiettivo di appropriarsi delle immense ricchezze naturali di questo paese e, nel 1937, passò alla guerra aperta con estrema violenza contro la Cina. La popolazione civile era l’obiettivo della crudeltà senza limiti dell’esercito giapponese. Gli stupri e gli omicidi di massa erano una pratica comune, come nel caso tristemente famoso della città di Nanchino.

L’occupazione giapponese comportò privazioni e repressione per tutto il popolo cinese.

Per la Cina, la seconda guerra mondiale è iniziata nel 1937 e si stima che la Cina abbia perso tra i 10 e i 20 milioni di persone in questa guerra. Per gli alleati, la sconfitta e l’incorporazione del Giappone nell’orbita del capitalismo occidentale significava che la Cina avrebbe continuato ad essere una colonia fornitrice di materie prime, condannata al sottosviluppo. Alla fine della guerra, nessun risarcimento fu pagato alla Cina dal Giappone, come la Germania dovette pagare gli Alleati. Non c’era nemmeno un “piano Marshall” per la Cina per aiutare la sua ripresa economica dopo la distruzione causata dalla guerra. Quello che c’era in Cina era la rivoluzione cinese.

La sfida epocale della Cina alla supremazia bianca

È un luogo comune chiamare “miracolo” la ripresa economica tedesca del dopoguerra, il “miracolo tedesco”. Ma niente è paragonabile al recupero della Cina. Partendo da una base industriale molto più piccola di quella della Germania del dopoguerra, avendo subito distruzioni molto maggiori e senza alcun sostegno equivalente a quello che la Germania ricevette dagli Stati Uniti, affrontando ancora una guerra civile che durò fino al 1949 con la vittoria della rivoluzione, nello spazio di 72 anni – dal 1949 al 2021 – la Cina è riuscita non solo a sfuggire al suo ‘destino manifesto’ di colonia, ma si è trasformata in quella che è già, in pratica, la più grande potenza mondiale. Grazie alla Cina, si è già verificata una rivoluzione silenziosa di portata inimmaginabile: il centro gravitazionale economico del pianeta si è spostato nuovamente in Asia dopo più di 500 anni di dominio dell’asse atlantico. Inoltre, la Cina sta anche sfidando uno dei presupposti fondamentali della civiltà occidentale: la supremazia bianca.

La citazione di Tocqueville all’inizio di questo testo rivela la naturalezza con cui un rinomato rappresentante della civiltà europea riflette sulla propria superiorità “intrinseca”, la base della supremazia bianca. Era questa “superiorità” che giustificava, da un lato, la schiavitù e, dall’altro, lo sfruttamento coloniale senza il quale il capitalismo non si sarebbe sviluppato. La supremazia bianca è intrinsecamente legata al capitalismo.

La “supremazia bianca” ha costituito il pretesto con cui si è giustificata per secoli la schiavitù.

Friedrich Hayek, il famoso e rispettato pensatore che ha contribuito così tanto all’istituzione del filone attualmente dominante del capitalismo in Occidente – il neoliberismo – ammette apertamente la stretta connessione del suo pensiero con il razzismo e la supremazia bianca. Nel 1946, pianificando quello che sarebbe diventato l’incontro di fondazione in Svizzera della Mont Pélerin Society – il primo ‘think tank’ neoliberale, modello per tutti gli altri che vennero dopo, come lo stesso Atlantic Council e l’altrettanto influente Atlas Network – Hayek inviò una circolare a tutti coloro che intendeva invitare all’incontro in Svizzera. Delineando in questa lettera il suo pensiero riguardo agli obiettivi della riunione proposta, Hayek scrisse:

“Sebbene la filosofia della libertà che dovrebbe formare il terreno comune per un tale sforzo congiunto non sia facilmente definibile in poche frasi, ho trovato ampiamente accettabile il suggerimento che gli ideali che sottendono le opere di Lord Acton e Alexis de Tocqueville potrebbero servire come base concordata da cui potrebbe partire un tale sforzo comune”.

Friedrich von Hayek (citato da Richard Cockett in “Thinking the Unthinkable”)

Le precedenti citazioni di Tocqueville mostrano la sua identificazione con la supremazia bianca. Per quanto riguarda Lord Acton (1834 – 1902) – l’altro autore citato da Hayek come in grado di servire da ‘fondamento condiviso’ – era uno dei politici più influenti in Inghilterra del suo tempo. Su Lord Acton è sufficiente dire che durante la guerra civile americana sostenne gli proprietari di schiavi sudisti, rammaricandosi profondamente della loro sconfitta. Tocqueville e Lord Acton: la schiavitù e la supremazia bianca, la base “ampiamente accettabile” del neoliberalismo di Friedrich Hayek.

Come gli schiavi neri, anche gli immigrati cinesi in America furono vittima di disprezzo ed oppressione.

Negli Stati Uniti dopo la guerra civile, i cinesi furono importati per lavorare come semi schiavi nella costruzione delle ferrovie e in altri lavori precedentemente svolti da schiavi neri – e furono ugualmente disprezzati e oppressi dai suprematisti bianchi statunitensi. Che un popolo e un paese visto come “inferiore” dai suprematisti bianchi sia diventato il loro avversario più spettacolare non è qualcosa di facile da digerire o accettare per l’élite imperiale profondamente identificata con la supposta “superiorità” – razziale, culturale ed economica – dell’Occidente.

Solidarietà e cooperazione: le basi della diplomazia cinese

Ancora peggio: la Cina non solo ha lasciato la condizione di colonia, ma sta aiutando altre nazioni nella loro lotta contro il neocolonialismo imperiale, come in America Latina. In un articolo su questo argomento, Yanis Iqbal riporta:

“La Cina si è fatta strada in America Latina, sfidando implicitamente l’egemonia unipolare dell’impero americano e la sua dottrina Monroe. Alla fine degli anni ’90, il commercio totale (importazioni più esportazioni) tra Cina e America Latina era di circa 5-8 miliardi di dollari all’anno. Il commercio bilaterale è cresciuto drammaticamente dall’inizio del secolo, raggiungendo oltre 255 miliardi di dollari nel 2014. Tra il 1999 e il 2014, le importazioni cinesi dall’America Latina sono aumentate più di quaranta volte, e le esportazioni verso la regione più di venticinque volte”.

E sul sostegno chiave della Cina ai governi progressisti in America Latina, Iqbal aggiunge: “I governi di sinistra in America Latina hanno visto l’espansione delle relazioni con la Cina come un modo per ampliare il loro spazio politico: li rende meno vulnerabili alle condizionalità del Washington Consensus e permette loro di perseguire politiche sociali alternative libere da pressioni esterne. Per fare un esempio, in Ecuador, quando l’Assemblea Nazionale ha approvato una legge nel 2010 che richiedeva la rinegoziazione dei contratti con le compagnie transnazionali dell’industria petrolifera, le compagnie cinesi erano più disposte di quelle occidentali ad accettare le nuove condizioni commerciali”.

La cooperazione fra Cina e America Latina è in forte sviluppo da ormai svariati anni.

“In Bolivia, una joint venture tra la cinese Jungie Mining e la cooperativa mineraria Alto Canutillos ha scoperto durante le consultazioni che la comunità locale di Tacobamba si opponeva all’apertura di un impianto di lavorazione dello stagno vicino alla miniera e la compagnia ha accettato di spostare l’impianto in un sito a 25 miglia di distanza, evitando un potenziale conflitto. Questo tipo di atteggiamento cooperativo e di rispetto delle basi sociali delle organizzazioni socialiste e contribuisce al loro consolidamento politico”.

“In Venezuela, il governo chavista ha usato prestiti cinesi per finanziare i suoi programmi sociali, cosa che non sarebbe stata possibile se avessero avuto bisogno di raccogliere fondi sui mercati internazionali dei capitali. In una situazione in cui la belligeranza imperialista del governo degli Stati Uniti e la disapprovazione dei mercati finanziari per le politiche socialiste del Venezuela hanno portato ad un rating molto basso nel sistema di credito internazionale, il prestito dalla Cina è stato un modo per il governo di finanziare il suo programma economico”.

Il modello necoloniale alla prova dei fatti: il caso argentino

Il neocolonialismo imperiale ha anche una sua proposta per l’America Latina, che lo stesso Atlantic Council rivela attraverso la sua iniziativa più “globalmente riconosciuta”, come riferisce questa organizzazione, il “Global Citizen Award”, un premio dato annualmente “agli individui che hanno dato contributi eccezionali al rafforzamento delle relazioni transatlantiche”(vedi qui).

Nel 2018 Mauricio Macri, allora presidente dell’Argentina, è stato uno di quelli scelti per ricevere questo premio altamente prestigioso (leggi qui). Sul suo sito web, l’Atlantic Council ha riferito che “ha premiato il presidente argentino Mauricio Macri per i suoi sforzi instancabili per rinnovare il ruolo dell’Argentina come attore globale. Il premio è stato consegnato anche al presidente Macri per il suo impegno nel mettere l’Argentina su un percorso sostenibile, e così facendo, mantenere la promessa di un futuro prospero per il popolo argentino”. Secondo l’Atlantic Council:

“Quando Mauricio Macri è entrato in carica nel 2015, ha ereditato una cattiva gestione ed enormi deficit di bilancio, con l’Argentina che deve affrontare profondi problemi strutturali. In quasi tre anni come presidente, ha riportato l’Argentina ad essere un leader regionale e globale chiave, ripristinando la credibilità attraverso un nuovo ufficio statistico trasparente e una riapertura ai mercati finanziari internazionali”.

Atlantic Council

La realtà del mandato di Macri in Argentina, tuttavia, è molto diversa da questa visione presentata dal Atlantic Council.  Il debito estero dell’Argentina alla fine del governo di Christina Kirchner era pari al 25,7% del PIL, cioè circa 170 miliardi di dollari (leggi qui). Alla fine dell’amministrazione Macri, il debito era pari al 63,7% del PIL, circa 285 miliardi di dollari.

Le politiche neoliberali di Mauricio Macri e del FMI scatenarono la protesta di piazza.

Lo stesso Atlantic Council riconosce che la situazione in Argentina era peggiorata, affermando nello stesso testo sul premio a Macri che: “il 26 settembre, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha accettato di aumentare il suo sostegno all’Argentina a 57,1 miliardi di dollari, il più grande prestito nella storia del Fondo, da erogare in tre anni”. Perché l’Argentina avrebbe bisogno del “più grande prestito nella storia del Fondo” se tutto andava così bene? Un tale prestito non era stato necessario durante il governo di Christina Kirchner.

Infatti, la povertà in Argentina è aumentata esponenzialmente durante il governo Macri – e proprio per questo è stato ‘premiato’ con il Global Citizen Award dell’Atlantic Council. Macri ha riportato l’Argentina allo status di colonia, ponendola ancora una volta nella sfera imperiale e sotto il controllo del FMI, distruggendo le conquiste progressive del precedente governo di Christina Kirchner.

Bolivia, Brasile, Cile: i governi golpisti al servizio dell’Impero

Il caso dell’Argentina non è l’unico. In Bolivia e in Brasile, paesi in cui i colpi di stato sono avvenuti con l’appoggio esplicito dell’Impero e dei suoi think tank Atlantic Council e Atlas Network, l’obiettivo principale era anche quello di fermare – e se possibile invertire – i progressi sociali ed economici raggiunti.

Gli anni del governo di Evo Morales in Bolivia hanno portato un innegabile progresso al paese, basti pensare che il PIL della Bolivia nel 2005 era di 9,574 miliardi di dollari e nel 2013 era di 30,66 miliardi. La povertà estrema, che era il 38% della popolazione nel 2006, è scesa al 16% nel 2018 (leggi qui).

Il regime golpista di Jeanine Áñez cercò di rovesciare tutte le conquiste precedenti e fallì solo perché, grazie alla resistenza del popolo boliviano, il suo governo ebbe vita breve e la sua sconfitta alle urne da parte del nuovo presidente Luis Arce – del MAS – fu devastante, ulteriore prova che le politiche attuate dal regime golpista servivano solo gli interessi dell’élite e dell’Impero e non della maggioranza del popolo boliviano.

La solidarietà fra la Cina di Xi Jinping e la Bolivia di Evo Morales è ripresa dopo la vittoria di Luis Arce.

Ma nel Brasile del complottista Jair Bolsonaro la situazione non potrebbe essere peggiore: il Brasile era la sesta economia del mondo durante il governo della presidente Dilma Rousseff. Oggi il Brasile è già sceso alla dodicesima economia del mondo. È un paese molto, molto più povero di quello che era prima… Esattamente ciò che si adatta al progetto imperiale neocoloniale come articolato dal Atlantic Council.

E non è solo una coincidenza che sia i seguaci di Janine Ãñez che quelli di Jair Bolsonaro abbiano compiuto diversi attacchi razzisti contro le popolazioni indigene e i neri, esprimendo così pubblicamente la loro “solidarietà” con l’ideologia suprematista bianca della metropoli imperiale.

Nel 2019 anche il presidente del Cile, Sebastian Piñera, ha ricevuto il “Global Citizen Award” dal Atlantic Council – e non a caso ha dovuto affrontare successive proteste di piazza contro il suo governo: i cileni non vogliono rimanere una colonia. I premi del Atlantic Council a Macri e Piñera rivelano che i governi più sottomessi al capitale internazionale – e quindi all’imperialismo – sono i più prestigiosi e sostenuti dai think tank neoliberali e dal loro progetto neocoloniale.

La Cina, un alleato strategico per lo sviluppo dell’America Latina

Cuba, un’altra nazione che con la sua rivoluzione è sfuggita al destino coloniale, è stata punita da decenni con sanzioni e blocchi. Fermare lo sviluppo di Cuba è stata una priorità per l’Impero. Ma la Cina è stata anche un importante partner e investitore a Cuba. E il sostegno cinese allo sviluppo di vaccini cubani contro il COVID-19 ha gettato nel panico la lucrosa industria farmaceutica occidentale, poiché i vaccini provenienti dalla Cina e da Cuba saranno offerti a costi molto più bassi ai paesi dei Caraibi, dell’America Latina, dell’Africa e dell’Asia.

L’isola ribelle e la Repubblica Popolare Cinese sono unite da storici legami di solidarietà.

L’ironia più grande è che il Partito Comunista Cinese, attraverso i suoi massicci investimenti in infrastrutture, soprattutto nell’ambito della Belt and Road Initiative, sta riuscendo a realizzare in Asia quello che la borghesia illuminata degli Stati Uniti ha cercato di fare nel proprio paese negli anni Trenta del secolo scorso con il “New Deal”. Il governo Roosevelt riuscì ad attuare la politica economica del “New Deal” solo fino ad un certo punto, perché i settori più autoritari e reazionari del capitalismo americano opposero un’enorme resistenza, progettando persino un colpo di stato per rovesciare il presidente. Anche così, il “New Deal” ha costituito la base dello sviluppo dell’economia statunitense durante il suo più grande periodo di espansione e crescita nel ventesimo secolo.

Ma sono le forze più retrograde del capitalismo, quelle che hanno combattuto ferocemente il “New Deal” negli Stati Uniti – organizzato come l’ordine neoliberale – che oggi dominano l’Occidente e cercano di imporre il neocolonialismo al resto del mondo. L’Impero e la supremazia bianca sono in guerra contro lo sviluppo, contro l’emancipazione dei popoli, contro la diversità culturale, sociale ed economica. Ma come hanno dimostrato Cina, Russia, Bolivia, Argentina, Ecuador, Cuba e Venezuela, altre strade sono possibili. E i diversi popoli del mondo, nei loro molteplici colori, generi e modi di essere, si uniscono sempre più nella costruzione di un futuro più umano e solidale.

 498 visite totali,  3 visite odierne

Franklin Frederick

Scrittore e attivista politico di origini brasiliane, vive in Svizzera dove è stato insignito del premio Nord-Sud della Romero-Haus di Lucerna per l'impegno a favore dell'accesso all'acqua potabile. Fino al 2020 è stato fra i vertici dell'associazione di cooperazione ALBA SUIZA.