Portale svizzero di informazione progressista

Gli USA in declino e il caso sudamericano

È impossibile analizzare l’area latinoamericana senza tenere in considerazione il ruolo e gli sviluppi della potenza imperialista nordamericana che strenuamente si oppone all’emancipazione del conglomerato dell’America meridionale. Recentemente – in stretto collegamento ad una crisi economica di carattere sistemico che non è confinata esclusivamente all’area statunitense, ma che si espande a livello mondiale – assistiamo… Continua a leggere

Europa/Internazionale

Bielorussia: Lukashenko rieletto presidente. I diritti sociali in primis.

Il 19 dicembre 2010 si sono svolte in Bielorussia le elezioni presidenziali, con la riconferma di Aleksandr Lukashenko alla guida del paese. Lukashenko, ex-direttore di una fattoria collettiva socialista ai tempi dell’URSS, è salito al potere nel 1994 come antagonista del candidato borghese Shushkevich che aveva privatizzato i beni pubblici seguendo l’esempio di Boris Eltsin… Continua a leggere

Editoriali/Opinione

La Svizzera alle urne delude: dove sono i giovani?

Forse ho dato troppa fiducia al popolo svizzero, forse mi sono fissata degli obbiettivi poco realizzabili, fatto sta che domenica scorsa, quando ho riagganciato il telefono dopo aver saputo i risultati della votazione, avrei voluto prendere armi e bagagli e andarmene in un qualche ameno luogo lontano. Già, perché mai avrei creduto che l’iniziativa proposta… Continua a leggere

Europa/Internazionale

Berlusconi resta al potere, ma le piazze bruciano e le scuole sono occupate!

I comunisti non hanno dubbi: “la blindatura militare di Palazzo Chigi e delle sedi parlamentari è la vera responsabile degli scontri di piazza, che hanno visto migliaia di giovani reggere coraggiosamente l’urto della violenza poliziesca”. Intanto scene che si sperava dimenticate dai tempi del massacro di Genova nel 2001 si sono ripresentate: poliziotti che estraggono… Continua a leggere

Ticino e Svizzera

Roveredo Grigioni: la sinistra rivitalizzata dai giovani comunisti

Domenica 12 dicembre 2010 nel pomeriggio lo spoglio delle schede delle elezioni comunali di Roveredo (GR) ha confermato tre seggi alla sinistra del borgo italofono del Canton Grigioni. Due seggi sono andati alla lista del Partito Socialista, l’unico partito di sinistra strutturalmente organizzato sul territorio grigionese con l’elezione di Emilio Grossi e di Eros Beeli,… Continua a leggere

La sinistra insorge: no alle angherie contro chi presta servizio civile!

Durissima la reazione del Partito Comunista, sezione ticinese del Partito Svizzero del Lavoro, che per bocca del suo segretario politico Massimiliano Ay definisce “reazionaria” la decisione del Consiglio federale, il quale pare abbia deciso di “smantellare, passo dopo passo, il diritto dei giovani di scegliere se prestare un servizio civile a favore della collettività o… Continua a leggere

Ambiente

Fondo Monetario e Banca Mondiale ammettono: i biocombustibili aggravano le carestie!

La Banca Mondiale (BM), il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e altri organismi regionali hanno ammesso che sacrificare alimenti per produrre biocombustibili aggraverà la fame nel mondo. Paul Ziegler, cattedratico dell’Università Centrale di Berlino, ritiene che l’uso del biocombustibile è un crimine contro l’umanità. Recenti report di FMI e di BM hanno segnalato che la situazione… Continua a leggere

Centinaia di persone in piazza per il “Paso”: no alla cultura omologata!

Oltre 400 persone si sono riunite sabato pomeriggio a Bellinzona per manifestare il loro disappunto all’accanimento delle autorità contro il Grotto Pasinetti (il Paso come è conosciuto dai suoi frequentatori). Lo storico ritrovo pubblico per la musica dal vivo di Gorduno rischia infatti la chiusura. Una influente vicina di casa ha deciso di reclamare per… Continua a leggere

Perché la Germania salva l’Irlanda

1. Salvataggio, ma di chi? Siamo al secondo salvataggio in Europa. Al secondo salvataggio delle banche tedesche. Come già nel caso della Grecia, chi sicuramente guadagna dalla soluzione della crisi irlandese, infatti, sono i creditori. Che vedono scongiurato il rischio di non riavere indietro i soldi incautamente prestati alle banche e allo Stato irlandese. E… Continua a leggere

Torna in Cima