Portale svizzero di informazione progressista

Universitari in lotta

Gli studenti zurighesi si ribellano: “giù le mani dalla nostra università!”

ZURIGO – Quanto successo in altre cinquanta università europee si è sviluppato sotto forme diverse anche negli atenei svizzeri. Ciò che conformizza l’accaduto in tutta Europa sono i motivi della protesta. Gli studenti, dall’Austria alla Spagna, non possono più chinare la testa e sottostare all’ennesima privazione del piacere di imparare. Hanno voluto quindi alzare la… Continua a leggere

Universitari in lotta

La base reagisce all’appello degli occupanti zurighesi

ZURIGO – 400 persone per l’oligopolio delle agenzie di stampa. Quasi 1000 per chi c’era veramente. Questi i numeri di chi ha sfilato sotto la pioggia venerdì 27 novembre per la manifestazione che in qualche modo ha sancito la conclusione dell’occupazione dell’aula più grande dell’ateneo zurighese dopo quasi due settimane di agitazione. La protesta si… Continua a leggere

Universitari in lotta

A Losanna è “Notre Unil”: uno slogan che è anche un programma

LOSANNA – La mobilitazione continua all’Università di Losanna (Unil) che è occupata, al momento di andare in stampa, da oltre una settimana. Gli studenti si confrontano lentamente alle realtà di una lotta politica e ideologica, anche riscontrando alcune difficoltà: mettere in atto una lotta necessita infatti un grande impegno e coordinamento. La scelta di proseguire o meno con l’occupazione è stata più volte rimessa in… Continua a leggere

Alle Officine si deve ancora resistere!

Lotta sindacale e offensiva padronale La vertenza delle Officine di Bellinzona ha travalicato i confini di una “normale” vicenda sindacale, perché sono state toccate le radici di un intero popolo cresciuto intorno alla Gottardbahn. Quanto successo nell’ultimo mese è il risultato di due fattori: una reazione unita dei lavoratori messi di fronte ai tagli e… Continua a leggere

Una lotta per la dignità del lavoro, una lotta di classe!

Il mondo alla rovescia: il ministro “socialista” Leuenberger che difende il neo-liberismo, il vescovo che incita gli operai a scioperare, un sindaco borghese che si siede sui binari per bloccare il traffico dei treni. Sulla scalinata della chiesa in Piazza Collegiata a Bellinzona, addirittura, uno striscione rosso dove campeggia la scritta “Sì all’autogestione”. Eppure non… Continua a leggere

Torna in Cima