Intervista a Marin Mikelin, candidato al consiglio comunale di Locarno

in Interviste/Opinione di

Tra i candidati del Partito Comunista presenti sulla Lista 4 nella Città di Locarno figura anche il giovane Marin Mikelin: un personaggio forse poco conosciuto in Città.Scopriamo qualcosa in più su di lui grazie all’intervista gentilmente concessa al nostro portale…

Sono nato il 20 settembre del 1988 a Sebenico, in Dalmazia. Dal 14 ottobre 1988 fino a dicembre 2010 ho vissuto a Cavergno, ora comune di Cevio. Dopo un breve periodo a S. Antonino mi sono trasferito a Locarno in Città Vecchia. Ho svolto le scuole dell’obbligo in Vallemaggia e nel 2008 ho conseguito la maturità in fisica e applicazioni della matematica presso il liceo cantonale di Locarno. Attualmente studio Letteratura e Linguistica Italiana presso l’Università di Zurigo.

Il tuo percorso accademico sembra molto impegnativo: come e quando ti sei avvicinato alla politica ticinese?

Mi sono avvicinato alla politica durante gli anni di liceo. In questo periodo ho avuto modo di entrare in contatto con temi sensibili ai giovani e alla società, ho potuto quindi maturare una mia linea di pensiero e accrescere i miei interessi per questioni riguardanti il bene comune. Attraverso le rivendicazioni studentesche del 2003 sono entrato in contatto con giovani che già militavano nel SISA (Sindacato Indipendente Studenti e Apprendisti) e nella Gioventù Comunista. Dopo aver sostenuto attivamente le iniziative della GC e del Partito Comunista ho deciso di impegnarmi maggiormente militando in esse fino a diventare membro del Comitato Cantonale del Partito Comunista e responsabile del dipartimento dell’informazione e della comunicazione.

Come ci hai rivelato, ti sei trasferito a Locarno da poco. Per quali motivi ti ritieni adatto a ricoprire il ruolo per cui ti sei candidato?

Pur non essendo nato a Locarno e non averci vissuto a lungo, ritengo di avere una visione reale delle problematiche giovanili e della città, essendo stata essa mio luogo di studio e principale punto di attrazione per durante la mia adolescenza.Mi candido quindi al Consiglio Comunale per poter portare la mia esperienza a favore dei locarnesi e dei giovani che vi crescono e che vi vivono.

Questo cosa ti porterebbe a voler migliorare nella Città di Locarno?

Locarno è il principale luogo di ritrovo per i giovani della regione e delle sue valli. Luoghi di svago ve ne sono, ma la città non si impegna sufficiente per andare incontro ai bisogni di essi con l’istituzione di luoghi di ritrovo organizzati dal dipartimento giovani e sulla mobilità di essi.Da quando ero adolescente le abitudini sono cambiate; i ragazzi sempre in più giovane età si ritrovano in centro dove però non ci sono strutture adatte per accoglierli. Le alternative per loro sono quindi o quella di vagabondare per la città oppure tentare di entrare in locali vietati per i minori di 16 anni. Sul discorso giovanile vanno quindi creati dei progetti prendendo esempio dall’impegno del dicastero giovani della città di Lugano e fare un passo avanti anche riguardo ai mezzi pubblici, attraverso nuove offerte e collegamenti migliori.Dunque, nel caso in cui venissi eletto, mi dedicherei agli interessi dei giovani, data la mia esperienza nel mondo dei centri giovanili. Questo in aggiunta a tutte le problematiche che interessano la formazione dei nostri giovani, nonché il loro futuro.

La campagna elettorale si prefigge sempre molto ostica per un candidato proveniente da altri luoghi. Come la finanzierai e – soprattutto – come la coordinerai?

Per la mia campagna punto molto sul dialogo con amici, conoscenti e altri concittadini; il tutto confidando nelle mie idee e nel passaparola. Punto molto sui social networks, ma – come per la elezioni cantonali del 2011 – utilizzerò anche dei volantini che distribuirò personalmente alla popolazione locarnese, con un sostegno proveniente da inserzioni sui giornali online e – chiaramente – carta stampata.Il costo finanziario della campagna non rappresenta per me un grosso problema, visto che parlare è gratuito. Le spese grafiche risultano nulle in quanto sono in grado di lavorare autonomamente sui miei volantini e sui santini, la cui stampa risulterebbe per me l’unico costo in denaro.

Ti riconosci in uno slogan in questa campagna elettorale?

Si: per una Locarno giovane e al passo coi tempi!

Ringraziamo il giovane Marin Mikelin per la sua disponibilità ed invitiamo gli elettori locarnesi a sostenerlo indicando il suo nome sulla “LISTA 4 – Partito Socialista” il prossimo 1° aprile 2012.