Portale svizzero di informazione progressista

Author

admin

admin has 305 articles published.

mertens_ptb
Europa/Internazionale

Il Partito del Lavoro del Belgio: “Opporsi al militarismo e alla NATO”

Il Belgio ospita la sede politica e militare della NATO. Per il governo di Bruxelles, la NATO è “centrale negli sforzi di pace del Belgio”, il quale è attivo in Siria, Iraq e Afghanistan e serve gli interessi dell’imperialismo atlantico, partecipando attivamente anche alla “Politica di sicurezza e di difesa comune” dell’Unione Europea, compresa  la… Continua a leggere

martin-schulz-156~1920x1080
Europa/Internazionale

La socialdemocrazia tedesca ancora di più stretta all’Unione Europea: Martin Schulz eletto presidente della SPD

In Germania “Unsere Zeit” è conosciuto come un ormai longevo settimanale socialista edito dal Partito Comunista Tedesco (DKP). Nell’edizione uscita lo scorso 3 febbraio 2017 ha ospitato un duro editoriale di Klaus Wagener sulla scelta del Partito Socialdemocratico Tedesco (SPD) di eleggere alla propria testa l’eurodeputato Martin Schulz. “Egli rappresenta come nessun altro la burocrazia… Continua a leggere

ay_lucchini_copertina
Ticino e Svizzera

Quale progresso per la Nuova Bellinzona?

Alle prossime elezioni comunali di Bellinzona, il Partito Comunista si presenta all’interno della lista “Unità di Sinistra” con candidati progressisti indipendenti e con esponenti del Partito Socialista. E’ in questo modo che ribadiamo la vocazione unitaria dei comunisti: da un lato perché riteniamo opportuno – soprattutto in questa prima elezione del polo cittadino – non… Continua a leggere

corea-del-norte-personas-en-metro1
Asia/Internazionale

L’antropologa Marcella Guidoni: “la Corea del Nord è lo specchio dell’Occidente”!

Gli articoli pubblicati da molti siti Internet e dai giornali italiani mainstream sulla Corea del Nord non contengono alcuna concreta informazione. Leggendone qualche esempio, è facile rendersi conto che in essi non c’è nessuna volontà di far conoscere il Paese da un punto di vista culturale, sociale o storico: essi sono mossi solo dalla necessità… Continua a leggere

03_fransioli-nicolas
Editoriali/Opinione

A quando una metro fra Locarno e Bellinzona?

Ancora una volta il Dipartimento del Territorio diretto dal leghista Claudio Zali ha dimostrato un dinamismo che in passato non c’era nell’affrontare i tanti dossier spinosi che non trovano quasi mai una soluzione in questo Cantone. Il messaggio approvato (a larghissima maggioranza) ieri dal Gran Consiglio per il credito di progettazione del collegamento A2-A13 ne… Continua a leggere

simone_cattaneo
Editoriali/Opinione

Porte spalancate ai criminali stranieri …purché siano ricchi!

Quella «per l’attuazione dell’espulsione degli stranieri che commettono reati» è la seconda iniziativa che l’UDC lancia sul medesimo tema: già nel 2010 i comunisti si erano opposti ad una proposta simile che, oltre a stravolgere il principio secondo cui la legge è uguale per tutti, addirittura vorrebbe inserire nella Costituzione federale – snobbando il legislativo… Continua a leggere

bellinzona_tatti
Editoriali/Opinione

Bellinzona, via Tatti e dintorni

Con insolito coraggio, nel rispetto della legge federale sulla pianificazione del territorio, approvata dal popolo nel 2014, il Cantone ha respinto la variante di Piano Regolatore del comparto di via Tatti. La legge impedisce l’aumento delle aree edificabili in assenza di uno specifico interesse pubblico e di un’equivalente riduzione di superfici di zone edificabili. Il… Continua a leggere

Colonia: femministe su scalinata duomo, 'nessuna tolleranza'
Editoriali/Opinione

Effetto Colonia

Lungi dell’ignorare i problemi legati al sessismo e alla discriminazione contro le donne presenti nella nostra società, vorrei spendere qualche riga per parlare delle ripercussioni causate dai fattacci di Colonia. Le molestie e gli abusi sessuali, che hanno avuto luogo a cavallo del nuovo anno nei pressi della stazione ferroviaria della cittadina tedesca sul Reno, sono stati strumentalizzati da… Continua a leggere

yalta
Editoriali/Opinione

Stalin, il nazismo e la seconda guerra mondiale

Nella gara per giungere ad un compromesso o ad un’intesa col nuovo regime insediatosi a Berlino, Stalin arriva decisamente ultimo. E’ del 20 luglio 1933 il Concordato tra la Germania e la Santa Sede, che garantisce la fedeltà dei cattolici tedeschi al nuovo «governo formatosi in conformità alla Costituzione» (verfassungsmässig gebildete Regierung): un riconoscimento che… Continua a leggere

Torna in Cima